Articoli

Il marketing digitale ha assunto oggigiorno dimensioni sempre più importanti. Dall’ottimizzazione per i motori di ricerca – dalla SEO al pay per click – e dall’e mail marketing agli annunci su Facebook, tutto ormai è incentrato sulle campagne digitalizzate.  Ogni imprenditore dovrebbe rendere il marketing digitale parte integrante della propria attività. E’ necessario dunque lasciare un’impronta digitale.

Nell’ottica del digital marketing, cosa sono le keywords?

Le keywords (in italiano parole chiave) sono parole o frasi che le persone digitano nei motori di ricerca, ricevendo come risultato link ai siti internet i cui contenuti presentano le keywords ricercate.

Nonostante negli ultimi anni gli esperti di digital marketing hanno iniziato a credere che l’uso delle parole chiave abbia perso la sua importanza, queste ultime sono invece il fulcro della sponsorizzazione della propria attività.

Quando l’utente x scrive nel motore di ricerca “negozi di abbigliamento a roma centro” sta esprimendo uno specifico desiderio al quale il marketing può dare risposta immediata, nell’auspicio che si traduca in reale acquisto di abbigliamento.

Quindi le keywords rappresentano uno strumento intelligente per creare contenuti intorno a concetti e idee che potrebbero interessare il pubblico di destinazione e potenziali clienti.

Per far apparire un’attività imprenditoriale nella SERP di Google, bisogna utilizzare le parole chiave che i clienti digitano

frequentemente per cercare prodotti o servizi correlati alla nicchia di riferimento verso la quale attirare i clienti.   Ne consegue che la tecnica del Seo Copywriting è davvero fondamentale per il content marketing.

Regole da rispettare quando si crea il contenuto delle parole chiave

Queste ultime sono parte integrante di una strategia di marketing digitale. I marketer devono capire che ci sono regole da seguire per evitare che cia un ban dei contenuti.

La prima regola è, ovviamente, di non abusare delle keywords in quanto gli algoritmi dei motori di ricerca sono intelligenti ed hanno la capacità di rilevare se vi è un abuso. Un decennio fa, ad esempio, gli esperti Seo facevano un uso eccessivo di keywords , ottendendo una penalizzazione nella comparsa dell’articolo nella pagina principale di Google.

Lo storytelling è la tecnica del raccontare storie attraverso la scrittura e le immagini. Molto utilizzato dal web marketing negli ultimi anni, ha lo scopo di catturare l’attenzione dell’utente emozionale e fidelizzarlo al brand o al messaggio su cui si fa storytelling.

La mente dell’utente del web, che in termini di marketing è un consumatore a tutti gli effetti, è bombardata quotidianamente da messaggi pubblicitari, quindi per lasciare un’impronta nella sua moemoria, è necessario craere contenuti di valore in grado di emozionarlo.

Il brand attraverso una narrazione, un racconto coinvolgente e di valore , costruisce un’identità capace di far affezionare il consumatore e trasformarlo in suo cliente. Pensate alle campagne pubblicitarie di grande effetto, basate sullo storytelling (audiovisivo) del marchio Barilla, della Nike, dell’Adidas o delle organizzazioni umanitarie quali Unicef e Save the Children: in esse il messaggio viene veicolato attraverso storie “a puntate”. Stessa cosa avviene sul web, attraverso testi scritti ed audiovisivi, per i quali il web content creator deve mostrare abilità di ideare storie coinvolgendo ed emozionando chi legge.

Alcuni dei brand da cui prendere esempio per il digital storytelling sono: Redbull, Ikea, Airbnb, Coca Cola, Freda Media Agency.