Dall’universo immaginario tridimensionale nato nel 2003 e chiamato SECOND LIFE agli avatar che su instagram dettano mode e tendenze, il passo è breve. Le figure CGI (computer generated imagery) oltre che popolari per i videogiochi fanno acquolina anche ai grandi brand di lusso che le utilizzano per sponsorizzare su instagram i loro prodotti. Ne sono un esempio Noonoouri, Lil Miquela e Margot, donne bellissime, modelle di varie etnie, con migliaia di follower sui loro account social.

Perché sono così ricercate dalle aziende?

Semplice: essendo bambole virtuali e non esseri umani in carne ed ossa e con una testa pensante, non “creano problemi”, nel senso che non si oppongono alle scelte degli sponsor, non “fanno capricci”, non chiedono compensi molto alti.


Noonoouri che vanta 273.000 follower su instagram
Lil Miquela, con un seguito di ben 1milione 500 mila persone

Incredibile notare come questi avatar influencer registrino un altissimo engagement: per citare un esempio Noonouri sotto la maggiorparte delle foto, colleziona dai 100 ai 200 commenti ed in media 8.000 like.

Queste virtual influencer, un pò bratz, un pò barbie

sono adorate dalla generazione Millennials (quella nata all’inizio degli anni ’80) e la generazione Z (ossia coloro nati dal 1995 al 2012): il marketing pubblicitario in questo caso punta soprattutto a questi due target.

Grande scalpore ha creato il caso di Shudu Gram , influencer dalla pelle scurissima, che ha esordito su instagram pubblicizzando prodotti e tematiche relative all’Africa: per parecchi mesi dal suo esordio, si pensava fosse una modella in carne ed ossa, poi Cameron James Wilson (ideatore di Shudu e fotografo britannico) ha svelato la vera identità, cioè quella di “bambola” virtuale.

Al momento una delle sue collaborazioni di maggior successo è quella con Fenty Beauty, linea cosmetica fondata dalla cantante Rihanna.

Di seguito i link agli account instagram dei sopra citati avatar influencer:

Noonoouri (https://bit.ly/2IqbwU8)

Lil Miquela (https://bit.ly/2N0gJ3X)

Shudu Gram (https://bit.ly/2IFyUMO)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *